Bonifiche ambientali

La partecipazione del Gruppo Vico all’esecuzione di importanti opere di bonifica e demolizione di impianti estremamente critici per la presenza di residui di processo, rappresenta una conferma del raggiungimento di un alto livello di esperienza nella gestione di tutte le problematiche legate al decomissioning ed alla bonifica di siti contaminati.

VARI SERVIZI DI BONIFICA

I servizi ambientali offerti dal gruppo Vico comprendono:

  • censimento, mappatura, caratterizzazione di rifiuti e materiali pericolosi;
  • bonifica, caratterizzazione e smaltimento di terreni contaminati;
  • bonifica di serbatoi di stoccaggio fino all’emissione di certificati gas free
  • idrolavaggio ad alta pressione di reattori, scambiatori, linee di piping ed impianti in genere;
  • messa in sicurezza, imballaggio, trasporto e smaltimento di rifiuti pericolosi di varia natura;
  • rimozione di rivestimenti termici.

Tutte le fasi operativa delle bonifiche vengono progettate, procedurate e supervisionate da un ufficio tecnico particolarmente dinamico, con competenze nei campi dell’ingegneria ambientale e della chimica industriale.
Tutti i certificati gas free e di avvenuta bonifica vengono emessi da chimici abilitati iscritti all’albo, mentre la caratterizzazione dei rifiuti viene affidata a laboratori di fiducia accreditati Sinal.

AREA 51

La costante ricerca di adeguamento tecnologico per il mantenimento del livello di leadership conquistato dall’azienda, ha recentemente indotto la stessa ad attivarsi per la progettazione e la realizzazione di un impianto dedicato al trattamento ed alla bonifica di apparecchiature interessate da contaminazioni di differente natura: dagli idrocarburi alle sostanze acide e basiche, dalle fibre minerali all’amianto e di quant’altro abbia la necessità di essere rimosso in un ambiente controllato.
Scopo primario di questa azione è quello di cercare il recupero, laddove possibile, di tutti i materiali contaminati che, a bonifica avvenuta, possono tornare ad essere valorizzati.
L’impianto in questione è parte del sistema aziendale Vico che è in possesso delle idonee iscrizioni all’Albo Gestori Ambientali e dispone delle necessarie autorizzazioni provinciali e del trasporto. Esso è operativo all’interno di un sistema di certificazione aziendale Rina/Sincert che si sostanzia anche dell’Attestazione SOA per demolizioni e bonifiche.
Nel suo complesso offre soluzione alle problematiche legate alla gestione di cantieri decentrati territorialmente o con problematiche di dislocazione, che presentano criticità dal punto di vista operativo. In questo modo possono altresì essere evitate le gestioni delle operazioni di bonifica in loco che talvolta non rappresentano soluzioni praticabili se non con l’adozione di particolari accorgimenti, che ne appesantiscono anche l’aspetto economico.
La società è altresì in grado di svolgere in autonomia le fasi di ricezione dei beni da sottoporre a bonifica, il successivo avvio al recupero del materiale decontaminato e lo smaltimento in siti idonei ad autorizzati per quello non recuperabile.
L’azienda ha sviluppato le proprie esperienze in maniera diretta e continuativa in occasione della dismissione di impianti chimici, caratterizzati da un notevole grado di criticità nell’ambito della dismissione.

La struttura

In linea con il percorso intrapreso nell’ambito della bonifica dei materiali contenenti amianto e del conseguente smaltimento del rifiuto, è stato concepito, progettato e realizzato, un impianto stabile che permette di procedere in maniera innovativa all’esecuzione delle procedure di bonifica.
In particolare esso è finalizzato all’esecuzione di interventi di bonifica su componentistica, impianti, attrezzature, già interessati dal processo di rimozione, agevolando il recupero della frazione disinquinato che viene immediatamente rivalorizzata destinando al riutilizzo, ad esempio, in impianti di seconda fusione.
L’impianto consente di svolgere direttamente all’interno dello stesso, qualsiasi attività di bonifica su manufatti di ogni genere (serbatoi, tubazioni, componenti elettrici, macchinari, apparecchiature, caldaie, ecc.) contaminati da amianto.
La struttura impiantistica, di dimensioni tali da poter accogliere qualsiasi manufatto trasportabile anche in condizioni di eccezionalità, è stata strutturata in modo da assicurare costantemente tutte le condizioni di sicurezza dovute, siano esse state previste per mitigare gli effetti delle diverse tipologie di bonifica, sia per meglio gestire e organizzare le modalità operativa riguardanti le diverse fasi di lavoro, solte esclusivamente dal personale abilitato con percorsi formativi di legge.
Il personale partecipa altresì periodicamente ad  aggiornamenti formativi riguardanti approfondimenti su situazioni tecnico-operative o emergenziali che, nelle specifiche situazioni di bonifica considerate, devono necessariamente essere prese in considerazione e sempre tenute presenti (condizioni oggettive di gestione dell’impianto, garanzie sulla staticità delle segregazioni, utilizzo corretto ed adeguato dei DPI, gestione delle acque di lavaggio …..). Un aspetto particolarmente significativo connesso alla corretta gestione del processo, è quello relativo al rispetto della normativa vigente in materia, che non deve lasciare spazio ad interpretazione e tantomeno a dubbi o incomprensioni.
Un aspetto di rilievo in questo ambito, sono l’osservanza puntuale delle autorizzazioni relative al trasporto di tutti i manufatti contaminati, riportanti i CER presenti nell’autorizzazione dell’impianto.
La filiera si completa con la gestione del rifiuti derivanti dalle operazioni di bonifica, corrispondendo in questo modo, così come previsto già a suo tempo alle normative pregresse, all’indicazione di agire per la riduzione dei quantitativi di rifiuto da avviare allo smaltimento, attraverso il recupero di talune tipologie ed il loro possibile riutilizzo, tramite adeguati processi. La flessibilità della struttura aziendale e la possibilità di usufruire di un circuito ormai collaudato per ciò che riguarda la gestione dei materiali generati a monte e a a valle dell’impianto, sono elementi che determinato ulteriore vantaggio ecologico, operativo ed economico e che consentono un significativo recupero di valore aggiunto all’interno sistema operativo.
L’impianto consente di sviluppare le tecniche operative necessarie ed anche più appropriare, per la rimozione ed asportazione di stanze pericolose di tipo amiantizio e di altra natura presenti e/o contenute nei rifiuti aventi come destinazione finale sia il recupero che lo smaltimento.